Vai a…
RSS Feed

22 Aprile 2019

L’Austria non è Notav


L’Austria non è Notav: cade il diaframma del Tunnel di Base del Koralm. Con la fine lavori anche al Semmering e Brennero nel 2026 sarà pronta per il passaggio merci da TIR a ferrovia

Lo scorso 14 agosto 2018 la società  ÖBB (Österreichische Bundesbahnen ovvero le Ferrovie Austriache) ha annunciato che dopo più di 17 chilometri di scavo, la “TBM“ Mauli1 ha fatto saltare il diaframma della canna meridionale del tunnel del Koralm sotto il Massiccio del Koralpe fra Stiria e Carinzia, non lontano dal confine sloveno.

Ora mancano nella canna settentrionale a malapena 6 chilometri di scavo. La “talpa” Mauli 1 ha percorso esattamente 17,127 metri dal 2013 da Leibenfeld in Stiria. Secondo ÖBB, questi 17 chilometri di scavo sono un record mondiale. L’altro scavo nella canna a nord era già stato  stato terminato da febbraio. LA TBM  “Kora”, lanciata nel 2015 dal lato carinziano, ha poco meno di 6 kilometri ancora da da percorrere.

In totale, circa 800 persone stanno lavorando in questi giorni a quello che è il sesto tunnel ferroviario più lungo del mondo con i suoi 32,9 Km.

(—-> Per leggere tutto l’articolo cliccate QUI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daSocietà